ORTO BOTANICO

Via Irnerio 42, Bologna

H 8.30 > 15.30: Boom Boom project: foresta sonora di Studio Toer

Una foresta in cui gli alberi ti rispondono attraverso i suoni. The Boom Boom project: un’orchestra naturale che si attiva attraverso un abbraccio. Boom Boom è una foresta interattiva in cui ogni albero emette il suo suono. Se vi avvicinate, toccate oppure abbracciate gli alberi, potrete avvertire le loro vibrazioni attraverso il tronco, in un gioco di suoni stupefacente.

Aperto tutti i giorni di Gusto nudo festival, escluso festivi (25/4, 30/4 e 1/5).

Boom Boom project è realizzato grazie al contributo di

H 17.30: Un erbario straordinario

Laboratorio gratuito per bambini a cura di Spazio Bradipo

Come Alice che parla con Brucaliffo immaginiamo di essere alti otto centimetri, un’altezza inadeguata per una bambina che deve affrontare il mondo reale ma ideale per scoprire quante foglie diverse si nascondono in questo luogo meraviglioso.. Giocando con le ombre, con le forme e con l’immaginazione, costruiamo un erbario straordinario in formato extralarge.

Evento a prenotazione obbligatoria (e-mail noemi.bermani@libero.it; sms 347 4784177).

DYNAMO

Via dell’Indipendenza 71/Z, Bologna

H 15.00 > 22.00: Infopoint e bookshop Gusto nudo festival

H 15.00 > 23.00: Enoteca Gusto nudo festival

H 19.00:  Un viaggio che non promettiamo breve

Il reading-concerto, tratto dal libro di Wu Ming 1 “Un viaggio che non promettiamo breve” (Einaudi editore), vede (o meglio, sente) l’autore collaborare con il Bhutan Clan, la resident band del “collettivo di collettivi” Resistenze in Cirenaica. Il reading-concerto è andato in scena per la prima volta, in una versione compact e tiratissima, l’11 novembre 2016 al Vag61 di Bologna. La lotta No Tav in Val di Susa, raccontata con sonorità industrial, noise, metal, ma con strani influssi hillbilly e “hawaiiani”.

LE SERRE DEI GIARDINI

Via Castiglione 134, Bologna

H 19.00: Di Vino e di cibo sempre si parla: chiacchiere intorno al concetto di cultura materiale

Vino e cibo sono, giustamente, annoverati tra le massime espressioni della “cultura materiale”. Ciò che lega insieme il loro orizzonte culturale (una storia, una tradizione, un terroir) e la loro dimensione materica (un gusto, un odore, una sensazione) è la parola. Quali sono i limiti e le potenzialità di questo, inaggirabile, “collante” comunicativo e percettivo? Mangiamo e beviamo, forse, parole?

Serata a cura di Matteo Cavalleri con interventi di: Davide Puca (ricercatore dell’Università di Palermo), Francesco Orini (curatore di Pietre Colorate), Andrea Bonini (presidente del seminario Veronelli), Michele Marziani (autore e sovversivo del gusto), Maurizio Cavalli (mercante di vini) e Paolo Parisi (allevatore eretico).

CASSERO LGBT CENTER

Via Don Minzoni 18, Bologna

H 19.00: Fermentazioni Queer

Vini naturali e birre acide per un aperitivo al Cassero, in collaborazione con Il Punto e la festa delle birre artigianali Bionda naturale. Presentazione e degustazione della nuova birra prodotta da Cà del Brado, in sinergia con l’azienda agricola Gradizzolo, di cui saranno presenti i mastri birrai e il vignaiolo. Durante l’aperitivo sarà proposta una selezione di birre acide scelte da Il Punto e di vini bianchi macerati selezionati da Gusto nudo.

Music selection by Pravda

Buffet provided by La Sammy