Un bicchiere con: Vino Leoni

Un bicchiere con: Vino Leoni

Vini “semplici e vivaci come le genti della Romagna”. Sono quelli prodotti dall’azienda agricola Le grotte con la sua etichetta Vino Leoni. L’azienda si trova sulle prime colline cesenate in località Monteleone, tra l’Appennino e l’Adriatico. I suoi vitigni vengono coltivati in modo naturale, senza pesticidi o diserbanti. Le raccolte sono fatte a mano, le fermentazioni con lieviti indigeni che accompagnano il  processo di trasformazione del succo d’uva in vino. Domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio, anche Vino Leoni sarà a Bologna alla Fiera dei vignaioli eretici di Gusto nudo festival.

Qual è la storia di Vino Leoni?
“L’azienda agricola va avanti grazie all’esperienza di Graziano Paganelli, 55 anni,  uomo che ha dedicato e dedica tutt’ora la propria vita alla terra. Prima del 2013 i vini venivano prodotti per consumo familiare, poi l’idea di mettersi in gioco grazie a Guido Leoni, 69 anni, e a suo figlio Claudio, 34 anni, ristoratore residente in Belgio e appassionato di vini naturali”.

Che vuol dire per voi essere vignaioli eretici?
“Vignaioli eretici non sappiamo  bene cosa voglia dire. Quello che sappiamo è che noi lavoriamo secondo i vecchi metodi a noi tramandati, rispettando la natura e senza compromessi né artifici. I vigneti sono condotti da sempre a biologico e le uve vinificate in modo naturale con fermentazione spontanea, senza filtrazione e con l’aggiunta minima di solfiti”.

Che vini producete?
“Abbiamo circa due ettari di terreno vitato con viti di circa settant’anni, immersi nella campagna verde romagnola a circa 150-200 metri sul livellodel mare. Qui troviamo argille brune evolute che conferiscono ai vini i sentori fruttati dell’uva e soprattutto del vitigno autoctono sangiovese, ma anche bianchello, rosato, barbera e albana dolce come nella tradizione romagnola. Abbiamo anche piante di ulivo non ancora in produzione e per altro seminativo (cereali, erba medica e piante officinali)  in circa 14 ettari di terra”.

Tre aggettivi per descrivere i vostri vini.
“I nostri vini sono dei vini onesti e naturali, che rappresentano bene il nostro territorio e che si accompagnano perfettamente alla cucina della tradizione romagnola. Sono vini freschi, leggeri e molto bevibili, ‘vin de soif’, vini da sete come li chiamano in Francia”.

Share This Post